Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Senza titolo 43

26 giugno 2004

Questa mattina, dopo il Collegio dei Docenti finale, il preside, tutti gli insegnanti e il personale non docente del nostro Istituto Comprensivo hanno festeggiato la maestra Clara, responsabile della nostra Scuola Elementare, che dal prossimo anno scolastico sarà in pensione! Auguri!



















 


 


 


 


 


 


 


 


Durante il ...goloso rinfresco, la maestra Laura ha fatto circolare questa spiritosa poesia, da lei scritta per l'occasione nel nostro dialetto sannazzarese:


MA CHI L'È CH'ÄM LÄ FA FA?



Ä sónä lä cämpänä, silénsio, ä cumìnciä lä riünión.


Sübit äl préside ät dišä: "Äténsión,


se ät fè nò mich'ägh uà, ät finìsi drit in päršón!".


E ti t' ät sénti giämò cundänà


e 't pénsi: "Ma chi l'è ch'äm lä fa fa?"


 





Ä scòlä, in ménsä, i cögh i cumändän lur,


i bidèl ién pädròn däl curidùr


e gh'è sémpär unä bégä cun un quai génitùr.


E ti t'ät sénti säfucà


e 't pénsi: "Ma chi l'è ch'äm lä fa fa?"


 




P'r unä mudèrnä välütäsión, gh'è i quéstiunàri dä cumpilà:


se lä scòlä l'è bèlä e se i fiö iän impärà,


se lä ménsä ät piàšä o se i fiö i fän dänà,


se va bén l'uràri o quäntä vòlt t'è 'ndài ä pisà.


E ti t'ät sénti sémpär püsè stresà


e 't pénsi: "Ma chi l'è ch'äm lä fa fa?"


 





Quänd l'è urä dä mustrà ä cüntà e ä lèš,


'gh uà ch'ät pénsä ä chi va bén e ä chi va péš:


unä clas l'è bén grévä dä réš.


E quänd ät pénsi che ät tucä fat in déš,


dü ög dä mälnàt ät guàrdän


e ät dišän: "Maèsträ, ät vöi bén".


E ti ät pénsi: "Cus chi l'è pròpi äl mästé pär mén!"


 






(Ma chi me lo fa fare?



Suona la campana, silenzio, comincia la riunione.
Subito il preside dice: "Se non fai come si deve, finisci dritto in prigione!"


E tu ti senti già condannato


e pensi: "Ma chi me lo fa fare?".


 



A scuola, in mensa, le cuoche comandano loro.


Le bidelle sono le padrone del corridoio


e c'è sempre una bega con qualche genitore.


E tu ti senti soffocare


e pensi: "Ma chi me lo fa fare?".


 




Per una moderna valutazione ci sono i questionari da compilare:


se la scuola è bella, se i bambini hanno imparato,


se la mensa ti piace o se i bambini fan dannare,


se va bene l'orario o quante volte sei andato a far pipì.


E tu ti senti sempre più stressato


e pensi: "Ma chi me lo fa fare?".


 




Quando è ora di insegnare a contare e a leggere


devi pensare a chi va bene e a chi va peggio:


una classe è ben pesante da reggere.


E quando pensi che ti tocca farti in dieci,


due occhi da birichino ti guardano


e ti dicono: "Maestra, ti voglio bene!"


E tu pensi: "Questo è proprio il mestiere per me!").


 



Ancora tanti auguri da noi tutti, Clara!


 




Il maestro Renato.

3 commenti:

anonimo ha detto...

bel blog e bella poesia! complimenti!

burgundo ha detto...

Grazie! (Anche a nome della maestra Laura!)

Il maestro Renato

carmi ha detto...

Auguri ad una collega che come mis crisse una persona uscita ornìmai dalla scuola "ha smesso di soffrire".

In ogni caso auguri per la nuova "esitenza".

Carmelo