Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Senza titolo 235

13 maggio 2006




Ieri ho trovato nella cassetta della posta l'ultimo numero del periodico locale "il Tam Tam". Lo sfoglio e che ti trovo, nella sezione Spazio Libero? Una lettera aperta a me indirizzata dai vostri genitori e da voi, in occasione del mio prossimo pensionamento! Leggo la lettera e non credo ai miei occhi: tante (troppe!) espressioni di apprezzamento e di stima nei confronti di questo anziano insegnante, come mai gli era capitato di ricevere, in una volta sola, in tutta la sua ormai lunga carriera! Termino la lettura commosso, ma anche imbarazzato: non credo affatto di meritarmi tante lodi, perchè conosco bene i miei tanti limiti (sapete? Quando si invecchia si è più propensi a fare autocritica e a non prendersi troppo sul serio...). Però, vi confesso questa mia debolezza: la cosa mi ha fatto un immenso piacere e mi ha procurato tanta gioia. Già qui sul "Quadernone blu" voglio ringraziare tutti voi e i vostri genitori per questa gradita sorpresa, più avanti lo farò personalmente.
E dunque...Grazie, grazie, grazie dal più profondo del cuore!


A presto!

Il maestro Renato
(commosso e imbarazzato)

25 commenti:

icfarrari ha detto...

Certamente hai tanto dato, Maestro Renato!

Mi sono un po' commossa.

Maria Luisa.

burgundo ha detto...

Grazie, Maria Luisa!


Renato.

mariac ha detto...

Caro Renato,

alla luce di tutte le testimonianze positive ricevute dai tuoi ragazzi e dai loro genitori...sono ancora più certa che la tua carriera di maestro sia stata molto significativa anche dal punto di vista umano!

Complimenti! :-d

anonimo ha detto...

Grazie anche a te, Maria!


Renato

mtb ha detto...

Ciao Renato... sei passato da bd?

Un abbraccio

mt

grrensun ha detto...

E invece sei una persona speciale e le persone speciali non possono, NON DEVONO andare in pensione!

Hai pensato a noi blogger didattici?

Continuerai ad esserci vicino, a lavorare con noi?

Un grande abbraccio, emozionante come quello di Crema, ricordi?

Tua maestraleila

anonimo ha detto...

Cara Maria Teresa,

un'altra bellissima e graditissima sorpresa, per me, su Blogdidattici!

Come sempre, MTica! Grazie!


Renato

anonimo ha detto...

Carissima Leila, e come potrei dimenticare Crema? L'unico mio rammarico è quello di non aver più avuto la possibilità di incontrarvi di nuovo, ma una cosa è certa: continuerò a seguire il vostro lavoro sui blog, fors'anche con più assiduità e attenzione. Resterò certamente vicino a te e a tutti gli altri amici bloggers, persone straordinarie che ho avuto la fortuna di conoscere, forse, un po' troppo tardi...Ciao, Le, e grazie!


Renato.


leucotea ha detto...

No, no. Fare autocritica e non prendersi troppo sul serio è proprio degli spiriti giovani.

E lo spirito non ha carta d'identità.

Un caro saluto, maestro.


Renata

anonimo ha detto...

Grazie, Renata, e buona domenica!


Renato

anonimo ha detto...

Ciao Renato, ma già da quest'anno vai in pensione? NOOOO! Spero continuerai a seguirci ed intanto GRAZIE DI CUORE.

Carmelo

burgundo ha detto...

Sì, Carmelo: dal prossimo settembre sarò in pensione, con un anno di anticipo rispetto ai canonici 40 anni di servizio, ma non mi andava di ricominciare un nuovo turno quinquennale per lasciarlo subito dopo un anno...Come già detto alle altre amiche bloggers, continuerò a seguire il vostro lavoro , rimarrò in contatto! Per cui...A presto!


Renato.

tetibye ha detto...

Il mio rammarico è quello non essere riuscita ancora a conoscerti di persona. Sei stato un mito per i miei ragazzi...sono stata gelosa di te! La scuola è più povera quando perde persone come te. Con grande stima e affetto.Teresa

burgundo ha detto...

Cara Teresa,

come ho detto in precedenti commenti, anche per me c'è il rammarico di non aver potuto conoscere di persona alcune figure per me importanti dei blog didattici, come te, appunto, e Carla e altre/i... E' andata così, ma resterà in ogni casa la stima e l'affetto, nonchè la possibilità di coltivare ancora, almeno virtualmente, il nostro rapporto. Ciao e grazie!


Renato.

anonimo ha detto...

Caro maestro,

a me non è ancora arrivato il Tam Tam,però arriverà presto e non vedo l'ora di leggere la notizia!!!

ciao!

susy

anonimo ha detto...

auguroni a tutte le mamme!

susy

burgundo ha detto...

Cara Susy,

se vuoi leggere quel testo clicca sul link "lettera aperta". Avete festeggiato la mamma?


Ciao e...A domani!


Il maestro Renato.

burgundo ha detto...

Dimenticavo: Susy, ti è arrivata la foto dei gelativori di Genova?


Il maestro Renato.

antop ha detto...

chi dona tanto riceve tanto e questo è il suo caso caro maestro.

sà, la immagino come il maestro del papà di Enrico Bottini( più giovane naturalmente!), chissà xchè!

felice pensione da una che spera di diventare come lei: amato ed apprezzato.

CIAO MAESTRO!!!!!!!!!!!!!!!!!!

burgundo ha detto...

Grazie, cara Antonella: non so, però, se ho dato tanto, in tutti questi anni d'insegnamento; ho cercato di fare del mio meglio, consapevole come ero e sono che questo sia uno dei mestieri più difficili, oggi più ancora che nel passato...Auguri anche a te per una stimolante e appagante carriera!...


Renato.

MaeFranci ha detto...

Ma come... il quadernone blu, il maestro Renato, la mia musa ispiratrice, va in pensione?!


Un tuffo al cuore! Dovevo assolutamente passare per ringraziarti per le idee, lo stimolo e la compagnia che mi hai donato... a tua insaputa.


Con simpatia

Mae Franci


burgundo ha detto...

Grazie delle belle parole, ma...perchè non ti sei fatta viva fi qui? Stai facendo un bellissimo lavoro nel tuo blog, ora lo linko e tornerò a trovare i tuoi ragazzi dalle menti così creative!...Complimenti!!!


Renato.

MaeFranci ha detto...

Ehh, che carini siete!

Vi aspetto allora.

Grazie per i complimenti, li "giro" agli autori!

Francesca

Morelia ha detto...

Maestro Renato, hai scelto un lavoro profondamente poetico e pare tu, lungo gli anni della tua vita, ne abbia colto a pieno la poesia, ora quella poesia ti vien ricambiata. Ciao da chi desidera un mondo pieno di maestri come te. /Morelia

burgundo ha detto...

Ma allora mi si vuo far proprio piangere!? Grazie, grazie, grazie! (Sigh...).


Renato