Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Senza titolo 237

16 maggio 2006




Un altro bel brano del "Carnevale degli animali" di Camille Saint Saëns è quello che ha per protagonista l'ELEFANTE, che l'autore fa esibire in una danza leggera e leggiadra. Figuratevi la goffaggine del pesante pachiderma!...E quale strumento potrà mai interpretarlo, se non il ....

A domani!

Il maestro Renato.

6 commenti:

antop ha detto...

caro Maestro, mi sono permessa di linkare il suo blog sul nostro in modo da dare un esempio esemplare di come si insegna e si apprende con l'utilizzo del blog.

se non è d'accordo lo cancello, grazie.

burgundo ha detto...

Grazie a te, Antonella: è bello per me sapere che ragazze in gamba e preparate che si accingono ad entrare nella scuola con tanto entusiasmo e consapevolezza possano considerare il nostro blog un sia pur piccolo punto di riferimento!

Un saluto a voi tutte!


Renato.

maestra-anna ha detto...

accaspita, se non ti do l'indirizzo del blog di prova... :P

http://storiepiccole.splinder.com

maestra-anna ha detto...

oh, è uno dei miei pezzi preferiti: ogni volta che lo ascolto, inizio a muovere la testa a tempo e scoppio a ridere :)


Sto facendo le prove per un blog dove raccolgo storie e le cose che mi piacciono. Non so ancora se tenerlo o no (faccio fatica a stare dietro anche al mio e mi scoccia fare le cose come capita).

Però se gli dai un'occhiata e mi ici che ne pensi, mi faresti piacere.


Per il resto, capisco che tanti anni di scuola stanchino (se una persona si fa coinvolgere, come fai tu), ma davvero che tu vada è proprio una cosa triste.

La tua esperienza però, come già ti scrissi tempo fa, fa dire "Ecco, si può" (dal mio punto di vista ci starebbe anche un "Si deve"... ma tant'è...

Buona serata :)

burgundo ha detto...

Cara Anna, devi assolutamente continuare il blog delle "storie piccole". A me personalmente interessa molto, tra l'altro vedo tanti link indirizzati alla musica popolare, di cui sono un appassionato estimatore da sempre. Attualmente, essendo passato all'ADSL, posso ascoltare decentemente radio on line al pc: ascolto esclusivamente una radio dedicata tutta, ma proprio tutta, alla musica folk italiana: una goduria, per me. Da dove arriva tanta manna? Ma da Huston, in Texas, che diamine!... (http://www.italianfolkradio.com/)

Grazie per le gentili parole circa il pensionamento: non si tratta tanto di stanchezza (che c'è), quanto di età! (Che c'è!...).

A presto!


Renato.

maestra-anna ha detto...

Per questo motivo ti ho chiesto, ricordo bene. L'idea era di coinvolgere anche un'amica non solo appassionata di musica (compresa quella popolare) ma anche musicista.

Un'altra idea è riprendere il percorso che iniziai anni fa sull'animazione arte/musica con i bambini e che lasciai per motivi lunghi e complicati da spiegare.

Ho l'impressione che vi sia ancora più bisogno di pensare con le mani e con il corpo (inteso nel suo insieme... e quale mezzo è meglio della musica?

:)