Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Senza titolo 360

11 febbraio 2007


Schermata menu del programma.



Il mio nuovo programma "Metti in ordine!", molto semplice e adatto a bambini di 5-6 anni, propone due esercitazioni sull'ordinamento dei numeri entro il 9.



Una schermata del programma.

Una schermata del programma.


Nella prima esercitazione, l'alunno è chiamato a digitare in ordine crescente i numeri via via proposti in ciascuna schermata...




Una schermata del programma.

Una schermata del programma.


...Nella seconda esercitazione, dovrà ordinare i numeri dal maggiore al minore.
In entrambe le esercitazioni, i numeri da ordinare sono dapprima abbinati a figure che graficamente ne evidenziano l'ordine di grandezza; in seguito tale supporto grafico viene a mancare.
Al termine di ciascun esercizio, se non si sono commessi errori, si ha la possibilità di stampare un disegno da personalizzare e colorare a piacere, tratto dal sito "www.midisegni.it", per gentile concessione dell'autore.


Il  programma "Metti in ordine!" è disponibile sul cd "Il mio software".

R. M.

5 commenti:

debora94 ha detto...

VENITE A VISITARE QUESTO SITO SARETE SEMPRE I BENVENUTI.

www.compagnediblog.splinder.com

icfarrari ha detto...

Ciao, Renato, come va?

Vedo con piacere che sei sempre impegnato per la gioia dei bambini e degli insegnanti.

Maria Luisa.

burgundo ha detto...

Ciao, Maria Luisa! Bentornata! E col teatro dialettale, come va?

Un abbraccio.


R. M.

icfarrari ha detto...

Il teatro dialettale si è concluso a Natale, con la rappresentazione brillante di:

"Sport e scuola d' na vota" tratto dai testi "La Crësa" e "Puntremal 'na vota" dello scrittore pontremolese Bruno Necchi. Recita riuscitissima, con grande plauso dei genitori e con rinfresco finale.

Continuiamo con il folclore con letture, dagli stessi testi, su radioblog e il podcast della classe Sentirci Insieme (in Odeo) di cui compare la targhetta nella colonna a sinistra di Luisascuola.

Credo anch'io che non si debba dimenticare il proprio dialetto, lingua importante della nostra cultura locale e delle nostre radici.

Maria Luisa.

burgundo ha detto...

Ho sentito alcuni mp3 letti dai tuoi ragazzi: devo dire che riesco a comprendere bene le frasi nel vostro dialetto...E' un'esperienza importante, la vostra, Maria Luisa, vale la pena di dedicarci del tempo!...

Ciao!


R. M.