Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Web 2.0? Sì, grazie!...

10 gennaio 2008

ATTENZIONE!

Entrando nel suo quinto anno di vita, il "Quadernone blu" ridefinisce in qualche modo la sua "mission" (si fa per dire...): non più solo segnalazioni di programmi didattici non commerciali, come da un anno e mezzo a questa parte, ma anche uno sguardo, per quanto possibile attento e puntuale, a quelle risorse oggi rese disponibili dal cosiddetto web 2.0 che abbiano una valenza spendibile anche in ambito educativo-didattico, se non direttamente da parte degli alunni, certamente da parte di quei docenti che amano coniugare i propri interventi in classe con le opportunità offerte dalle nuove tecnologie digitali.
Sono tantissimi ormai in rete i siti e i blog nati proprio allo scopo di seguire da vicino l'affascinante e ribollente mondo del web 2.0, mi piace qui ricordarne solo alcuni, quelli che personalmente seguo da tempo con maggiore assiduità: Geekissimo, Maestro Alberto web 2.0 Scuola e nuove tecnologie e Web 2.0 and something else. Il "Quadernone" non ha certo l'ambizione di mettersi sulla scia di questi importanti punti di riferimento! Nel suo piccolo, si sforzerà di dare un contributo affinchè docenti (e genitori) possano avvalersi non solo dei software didattici liberamente scaricabili dalla rete, ma anche delle tante nuove risorse che il web 2.0 mette a disposizione.
Chiaramente, saranno gradite segnalazioni in tal senso da parte dei numerosi amici del blog: grazie fin d'ora!

Una prima segnalazione:



UTIPU è allo stesso tempo un software (liberamente scaricabile) e una risorsa del web 2.0. Si tratta di un cattura-schermo con cui registrare in un filmato  qualsiasi attività venga svolta al computer. Utile quindi per creare, ad esempio, efficaci tutorial per gli alunni (o per i colleghi meno esperti...) relativamente all'utilizzo di particolari applicazioni o procedure complesse. Prodotta la registrazione, si può facilmente condividerla in rete inserendola in uno spazio web di 250 Mb reso disponibile dal sito stesso del programma.

Via | Maestro Alberto

R. M.

7 commenti:

gio000 ha detto...

Congratulazioni per l'innovazione Renato!

Grazie già da ora per tutti i preziosi suggerimenti che ci darai.

Interessante questo primo, dovrò provarlo...anche se mi spaventa un po'. Non so, mi pare complicato registrare in un filmato. Non l'ho mai fatto :-)

a presto!

g.

burgundo ha detto...

No, avviene tutto in modo semplice e direi automatico: tu ti concentri ad usare il mouse facendo le operazioni che ti preme illustrare, il programma registra i movimenti del mouse e quanto succede sullo schermo. Io solitamente uso il sofware Camstudio, per queste necessità: ora vorrei confrontarne gli esiti con quelli ottenuti con Utipu. La qualità dei filmati di Camstudio non è eccelsa: proverò il nuovo software.

Ciao, Gio!


R. M.

nereide1 ha detto...

Bravo, Renato! Il web 2.0 offre delle risorse sconfinate. Come sai, ho iniziato solo in luglio e quasi per gioco con websomethingelse, ma adesso sta diventando una cosa più seria date le soddisfazioni ( impensate) che mi sta dando.


Benvenuto, allora, nel mondo del web 2.0!


Bacioni, Annarita:)

burgundo ha detto...

Sì, Annarita, le risorse del web 2.0 sono sconfinate, ma io dovrò cercare di individuare, tra le tante, opportunità, quelle concretamente più spendibili ed utili sul piano educativo-didattico, tenendo presente quindi una tipologia di utenti del web 2.0, i docenti, piuttosto particolare; per non parlare degli alunni di riferimento e senza dimenticare le reali condizioni in cui si trovano tanti laboratori di informatica delle nostre scuole, non sempre adeguati quanto a connessioni in rete, ecc. ecc.

Non sarà tanto facile!... Conto su dritte e suggerimenti che spero mi giungeranno anche da visitatori "addentro" come te...


R. M.

nereide1 ha detto...

Hai ragione, Renato, il target dei docenti è particolare e occorre avere intuito nell'individuare risorse web 2.0 adeguate anche allo stato dei laboratori scolastici.


Conta pure su di me! E grazie per aver segnalato web 2.0 and something else:)


A presto!

anonimo ha detto...

In bocca al lupo Renato per questo tuo nuovo affascinante viaggio!


Alberto

burgundo ha detto...

Grazie, Alberto! Non penso neanche lontanamente di poter svolgere un lavoro analogo a quello documentato nel tuo inarrivabile blog, tuttavia cercherò di dare un mio piccolo contributo anche per quanto riguarda il web 2.0 e le sue opportunità. Almeno: ci proverò...


R. M.