Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Un lucchetto per il web.

28 novembre 2010



Coloro che hanno a che fare con bambini e ragazzi, a scuola come docenti, a casa come genitori, sanno che non sempre è possibile agli adulti esercitare una meticolosa e assidua sorveglianza sull'uso che della rete possono fare i minori loro affidati, quasi sempre abilissimi a bypassare i controlli dei grandi, accedendo a siti non adatti o addirittura pericolosi, magari anche per poco tempo. Per evitare questo, si possono utilizzare vari sistemi di parent control oppure semplicemente affidarsi ad un software come Any Weblock, gratuito e specifico per i s. o. Windows. Con esso possiamo bloccare totalmente l'accesso a quei siti che giudichiamo inadatti, per le ragioni più varie, ai nostri alunni o figli, semplicemente specificandone all'interno i domini o sottodomini e proteggendo tale elencazione con una nostra password. Via via sarà ovviamente possibile aggiungere o eliminare gli indirizzi web della nostra personale "lista nera", che tra l'altro blocca l'accesso alle pagine web indesiderate a prescindere dal tipo di browser in uso.

R. M.

Via | Geekissimo

2 commenti:

anonimo ha detto...

Ottima segnalazione grazie.
Ottima soprattutto perchè finalmente qualcuno ha capito che bloccare la navigazione ad alcuni siti, tramite browser specifici con il parent control , 
è una vera cavolata, ovvero, il problema si riesce ad aggirare facilmente (non dico come, ma tu probabilmente immagini...)

Qui invece la cosa è più inteliggente; si blocca a livello di registro di sistema, in modo tale, che qualsiasi browser venga usato, il blocco rimane attivo. Peccato manchi una lista bianca che secondo me, almeno per i bambini o ragazzi, è molto più importante della lista nera, la quale rischia sempre di non essere sufficentemente aggiornata (e sarà impossibile che lo sia).
Anche il registro di sistema può essere "attaccato", ma è un'altra storia, ed è comunque molto complicato, quindi non alla portata di tutti.

Si potrebbe poi discutere sull'opportunità di bloccare la navigazione di alcuni siti, invece di fare informazione ed insegnare ai ragazzi cosa significa navigare sicuri, ma non è questo il post giusto e soprattutto il discorso sarebbe davvero lungo.

Ti ringrazio Renatone perchè come sempre le tue segnalazioni risultano ottime ed offrono spunti anche di riflessione (in tutti i campi)

Un salutone
Marco

burgundo ha detto...

Grazie, Marco, per le tue utili integrazioni al post! Un visitatore prezioso: attento e propositivo, il sogno di ogni blogger che, come me, sia dell'idea che i commenti possano essere anche pochi, purchè buoni!...

R. M.