Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Un peana per Europeana.

21 novembre 2010



Come si legge sul sito (ancora in versione beta) di Europeana, il portale "consente di scoprire ed esplorare le risorse digitali di musei, biblioteche, archivi e collezioni audiovisive di diversi Paesi europei. Promuove opportunità di scoperta e di networking all’interno di uno spazio multilingue in cui gli utenti hanno la possibilità di consultare e condividere i contenuti e di trarre ispirazione dalla ricchezza e diversità del patrimonio culturale e scientifico europeo. Si possono trarre idee ed ispirazione da oltre 14.6 milioni di oggetti digitali, fra cui:




  • Immagini - dipinti, disegni, carte geografiche, fotografie e immagini di oggetti museali.


  • Testi - libri, giornali, lettere, diari e documenti d’archivio.


  • Audio - musica e parlato da supporti fonografici, nastri, dischi e trasmissioni radiofoniche.


  • Video - film, notiziari e trasmissioni televisive.



Alcuni contenuti e alcune tematiche sono di fama mondiale, come l’opera di Isaac Newton sulle Leggi del moto, i disegni di Leonardo da Vinci, il dipinto di Jan Vermeer Ragazza con l’orecchino di perla o gli oggetti che testimoniano la caduta del Muro di Berlino. Altri tesori sono nascosti e aspettano di essere scoperti.



A Europeana hanno contribuito circa 1500 istituzioni. Istituzioni prestigiose come la British Library di Londra, il Rijksmuseum di Amsterdam e il Louvre di Parigi sono affiancate da organizzazioni più piccole di tutta l’Europa. Insieme, le loro collezioni consentono di esplorare la storia europea dall’antichità ai nostri giorni.



Che si tratti di un’opera celebre o di un oggetto meno noto, Europeana collega sempre l’utente alla fonte originale dell’informazione, garantendone in tal modo l’autenticità".



Un progetto ambizioso, dai frutti preziosi e pienamente spendibili anche (soprattutto) in ambito didattico e, per una volta, "di casa nostra".

R. M.

Via | Maestro Roberto

4 commenti:

anonimo ha detto...

Cavolo !!!
Mastodontico.
Davvero un'iniziativa enorme ed utilissima, soprattutto per la facile rintracciabilità dei contenuti ed in particolar modo dell'effettivo originale
( parlo soprattutto dei testi ), cosa che oggi sul web è praticamente impossibile;  tutti copiano tutti, magari anche reinterpretando, magari anche male.
Da provare My Europeana, ovvero la creazione e catalogazione personale dei contenuti (iscrizione obbligatoria al sito); lavorandoci sopra si potrebbe creare addirittura una piccola bibblioteca personale, selezionando e taggando i vari contenuti che più interessano.
Per la didattca sarebbe sicuramente una ottima risorsa anche se, come al solito, la maggior parte dei contenuti sono in inglese.

Grazie per la segnalazione Renatone ( per dirla all'Annarita )

Un salutone
Marco

burgundo ha detto...

Grazie a te, Marco! E a proposito di Annarita, so che sarai al prossimo Carnevale della Matematica da lei ospitato: ti leggerò volentieri!

R. M.

anonimo ha detto...

Ci sto' lavorando, spero di fare in tempo, scuola permettendo.
Mi farà molto piacere rivederti, digitalmente parlando, anche in quella occasione.
Mi piace Renatone, possso continuare a chiamarti così ?

"ma guarda sto' ragazzaccio quante confidenze si prende"

Ti ho anticipato, leggo nel pensiero, anzi nei byte.

Un salutone
Marco

burgundo ha detto...

D'altronde, sono ben lontani i tempi in cui mi si chiamava Renatino...  :(

R. M.