Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Non dimentichiamo che oggi è il Giorno del Ricordo.

10 febbraio 2014


Su Rai News, una pagina di storia che rischiava di essere dimenticata ingiustamente.
importante, non solo quella del massacro delle Foibe e dell'esodo, ma anche della storia della presenza italiana sull'adriatico orientale che è una parte importante della storia italiana. Prima del giorno del ricordo, o comunque fino agli anni '90, la memoria stava scomparendo, ora è stata recuperata, salvata". - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/giorno-ricordo-10-febbraio-2004-2014-dieci-anni-strage-foibe-eccidio-tito-comunisti-slavi-esodo-giuliano-dalmata-77ba65a1-a1e5-460e-bb57-946819b4b905.html?refresh_ce#sthash.TBm5BaUr.dpuf
importante, non solo quella del massacro delle Foibe e dell'esodo, ma anche della storia della presenza italiana sull'adriatico orientale che è una parte importante della storia italiana. Prima del giorno del ricordo, o comunque fino agli anni '90, la memoria stava scomparendo, ora è stata recuperata, salvata". - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/giorno-ricordo-10-febbraio-2004-2014-dieci-anni-strage-foibe-eccidio-tito-comunisti-slavi-esodo-giuliano-dalmata-77ba65a1-a1e5-460e-bb57-946819b4b905.html?refresh_ce#sthash.TBm5BaUr.dpuf
importante, non solo quella del massacro delle Foibe e dell'esodo, ma anche della storia della presenza italiana sull'adriatico orientale che è una parte importante della storia italiana. Prima del giorno del ricordo, o comunque fino agli anni '90, la memoria stava scomparendo, ora è stata recuperata, salvata". - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/giorno-ricordo-10-febbraio-2004-2014-dieci-anni-strage-foibe-eccidio-tito-comunisti-slavi-esodo-giuliano-dalmata-77ba65a1-a1e5-460e-bb57-946819b4b905.html?refresh_ce#sthash.TBm5BaUr.dpuf

1 commenti:

Anonimo ha detto...

prima di piangere su quei poveri caduti italiani ci si dovrebbe informare sull'odio scatenato dai precedenti di Jasenovac : Il Campo di concentramento di Jasenovac fu il più grande campo di concentramento costruito nei Balcani durante la seconda guerra mondiale, creato dallo Stato Indipendente di Croazia di Ante Pavelic, alleato dei nazi-fascisti. Si trova nei pressi dell'omonimo paese sulle rive del fiume Sava, ad un centinaio di chilometri a sud-est di Zagabria, vicino all'attuale confine croato-bosniaco. Venne edificato nel 1941 e funzionò fino al 22 aprile 1945. Vi trovarono la morte serbi ( comunisti) , ebrei, zingari, musulmani e oppositori politici croati, ma soprattutto moltissimi bambini di età compresa fra i 3 mesi e i 14 anni. Le stime delle vittime degli Ustasha ( sostenuti e appoggiati dal fascismo italiano dell'epoca ) nel campo di Jasenovac variano da 60.000 al milione. Le più attendibili si aggirano sui 600.000 (Centro Simon Wiesental, Jad Washem). Una tra le efferatezze maggiori fu eseguita da Petar Brzica, studente di legge, che nella notte del 29 agosto 1942 (per scommessa) uccise 1360 prigionieri sgozzandoli con il "srbosjek" (tagliaserbo) e fu nominato "Re delle gole tagliate".