Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Quadri... da ascoltare!

4 dicembre 2015


Questo mio programma si propone di facilitare un approccio consapevole e guidato all'ascolto di un celebre brano classico: "Quadri da un'esposizione" di Modest Musorgskij.
"...'Ascolta la composizione' rappresenta il cuore del programma: propone l'ascolto integrale dell'opera attraverso due percorsi differenti. Il Percorso A (adatto ad alunni che abbiano maturato buone competenze nell'ascolto guidato di brani classici), più coinvolgente e stimolante, presuppone un ascolto partecipe ed attivo e nessuna anticipazione da parte del docente sul contenuto dei brani della composizione, eccezion fatta per i titoli e le relative indicazioni agogiche (già di per sè abbastanza indicative...): infatti, l'alunno è invitato ad annotare in un'apposita casella di testo le immagini, le sensazioni, i sentimenti che la musica di Musorgskij che sta ascoltando suscita via via in lui. Lo scopo non è tanto quello di portare l'alunno a tentare di indovinare una o l'altra delle situazioni raccontate musicalmente dall'autore in relazione ai singoli quadri dell'esposizione passati in rassegna, quanto piuttosto quello di fornirgli l'occasione per confrontarsi con le potenzialità espressive della musica del grande Autore russo, così come si evincono dalla trasposizione per orchestra classica operata da Ravel. Dopo aver ascoltato tutti brani, ogni alunno può anche decidere di stampare le proprie annotazioni inserite: in tal modo, subito o in un secondo momento, potrà effettuare utili confronti sia con quanto evidenziato dai compagni, sia con il testo esplicativo che troverà seguendo il Percorso B. Se le attese dell'insegnante non saranno eccessive, anche in rapporto all'età e alle capacità degli alunni, i risultati potranno essere in taluni casi anche sorprendenti...".

0 commenti: